Associazione sportiva


 

 

 

VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI

 

Risultati immagini per foto ASSOCIAZIONE
 

ASSOCIAZIONE


L’associazione è un raggruppamento di almeno tre persone che si propongono di perseguire uno
scopo comune. Caratteristiche delle associazioni sono:
1. lo scopo non di lucro;
2. la struttura aperta a un numero illimitato di membri;
3. una propria struttura organizzativa composta da almeno tre organi obbligatori.


COSTITUZIONE
La costituzione di un’associazione è comprovata da due documenti :
1. l’ATTO COSTITUTIVO;
2. lo STATUTO SOCIALE.
L’atto costitutivo, è il verbale di costituzione dell’associazione, dal quale si evince la volontà dei
soci fondatori di costituire la stessa e dal quale risultano le prime decisioni importanti per
l’associazione quali la nomina del primo Consiglio Direttivo che avviene tra i soci presenti,
l’adozione dello Statuto Sociale e l’affiliazione all’Ente di promozione.
Lo Statuto Sociale, rappresenta il regolamento principe che regola la vita dell’associazione. In esso
sono indicate le modalità di svolgimento della stessa, compresa la nomina e il funzionamento degli
organi sociali. La costituzione può avvenire con atto pubblico o con scrittura privata.
Con atto pubblico l’atto costitutivo e lo statuto sono redatti con la supervisione di un notaio che
provvederà alla loro registrazione presso l’Ufficio Locale delle Entrate. Solo costituendosi con atto
pubblico l’associazione può procedere al riconoscimento della personalità giuridica.
Con scrittura privata l’atto costitutivo e lo statuto sono redatti dai soci e sono registrati presso
l’Ufficio Locale delle Entrate.
La registrazione dell’atto costitutivo e dello statuto oltre che stabilire una data certa di costituzione
dell’associazione attribuisce alla stessa lo status di ente non profit e le permette di avvalersi di tutte
le agevolazioni fiscali previste in materia.
Entro trenta giorni dalla costituzione occorrerà procedere all’apertura del codice fiscale e se
necessario della PARTITA IVA intestati all’associazione.
Le associazioni si dividono in:
- riconosciute se hanno ottenuto il riconoscimento della personalità giuridica in seguito a
presentazione di domanda e successiva iscrizione nel Registro delle persone giuridiche, istituito
presso la Regione e presso la Prefettura.
Con l’ottenimento della personalità giuridica l’associazione acquista autonomia patrimoniale
perfetta, in base alla quale il patrimonio dell’associazione rimane distinto ed autonomo rispetto a
quello degli associati e degli amministratori e la limitazione della responsabilità degli
amministratori per le obbligazioni assunte per conto dell’associazione.
- non riconosciute se non hanno chiesto o non hanno ottenuto il riconoscimento della personalità
giuridi per conto dell’associazione rispondono le persone che le hanno contratte, in primis il
Presidente. Le associazioni non riconosciute sono disciplinate dagli articoli 36, 37 e 38 del codice
civile.

 

Risultati immagini per foto LIBRI SOCIALI

 

 


LIBRI SOCIALI
La forma maggiormente utilizzata dagli enti non profit, è soprattutto quella dell’associazione non
riconosciuta, e cioè priva di personalità giuridica. La disciplina civilistica di questa figura è dettata
dagli artt. 36 e segg. del codice civile. La legge non prevede specifici obblighi di tipo contabile
tranne quello della redazione di un Rendiconto Finale cosicché sono obbligatori quei libri la cui
tenuta è prevista espressamente dallo statuto. I libri sociali che qualunque associazione, dovrebbe
istituire sono:
LIBRO SOCI: da utilizzare per annotare, in ordine cronologico di adesione, tutti i soci, con le
relative generalità, le quote associative pagate, eventuali esclusioni e/o recessi;
LIBRO VERBALI ASSEMBLEE: sul quale si annoteranno tutte le delibere assembleari, siano esse
ordinarie o straordinarie.
LIBRO VERBALI CONSIGLIO DIRETTIVO: sul quale si annoteranno i verbali delle adunanze
del Consiglio Direttivo dell’associazione;
Per tutti i libri sociali non sono necessarie né bollatura, né vidimazione, sia se gli stessi sono tenuti
come registri manuali o a fogli mobili per una tenuta computerizzata.
Diversamente i libri di tipo contabile, ( giornale e libro degli inventari) che non sono obbligatori
secondo le prescrizioni del codice civile, sono necessari in quanto meramente strumentali alla
redazione del bilancio ( adempimento obbligatorio).
Si ricorda che ai sensi della legge 383/2001 non esiste più l’obbligo di bollatura e di vidimazione
del libro giornale, del libro inventari e delle altre scritture aventi valenza fiscale (registri Iva, cespiti
ammortizzabili, ecc.). Non è dovuta l’imposta di bollo in relazione alla tenuta del libro giornale e
del libro degli inventari. E' doveroso ricordare che per le associazioni i commi 7 e 8 della legge n.
133/99, modificati dall’art. 37 della legge n. 342/2000, prevedono l’obbligo di effettuare tutti i
pagamenti e i versamenti di importo superiore a 516,46 € (un milione di vecchie lire) tramite conti
correnti bancari o postali intestati all’associazione sportiva.
L’associazione ha come oggetto esclusivo e prevalente lo svolgimento dell’attività istituzionale che,
sappiamo bene, non ha carattere di lucro, la stessa può volgere attività commerciale in via
meramente occasionale in tal caso deve aprire una posizione fiscale comprovata dalla titolarità della
Partita IVA. L’associazione titolare di Partita IVA può optare per uno dei seguenti regimi contabili:


REGIME FORFETARIO DI CUI ALLA LEGGE 398/1991
E’ un regime fiscale agevolativo previsto per le associazioni affiliate alle federazioni sportive
nazionali o agli enti di promozione sportiva (regime esteso alle associazioni senza fini di lucro e alle
pro-loco dalla legge n. 66/1992) che dispone l’esonero dagli obblighi di tenuta delle scritture
contabili di cui agli articoli 14, 15, 16 e 18 del D.P.R. 600/73 (libri contabili obbligatori per i
soggetti in contabilità ordinaria o semplificata quali: il libro giornale, i registri Iva acquisti, ca, non
godono di autonomia patrimoniale perfetta e per le obbligazioni assunte in nome e 50% per
prestazioni di servizi, del 10% per le sponsorizzazioni e l’abbattimento di 1/3 per i diritti televisivi.
E’ obbligatoria la tenuta di un REGISTRO conforme a quello approvato con il D.M. 11.2.97, da
utilizzare per l’annotazione dei corrispettivi e qualsiasi altro provento conseguito nell’esercizio di
attività commerciali, da effettuarsi anche con un’unica registrazione, entro il giorno 15 del mese
successivo. Tale regime prevede altresì l’esonero dall’ obbligo di emissione di ricevute e scontrini
fiscali. Invece, continua a trovare applicazione l’obbligo di numerare progressivamente, le fatture
eventualmente emesse e le fatture d’acquisto, con la conseguente necessità di conservare le stesse a
norma dell’art. 39 del D.P.R. n. 633/1972.


REGIME FORFETARIO DI CUI ALL’ART. 145 (ex 109-bis) DEL D.P.R. n. 917/86
L’art. 145 (ex 109-bis) del T.U.I.R. (Testo Unico delle Imposte sui Redditi – D.P.R. 917/1986)
prevede un regime forfetario per gli enti non commerciali ove questi siano ammessi alla tenuta della
contabilità semplificata. I proventi commerciali conseguiti non devono aver superato, quindi, il
limite annuale di € 185.924,48 previsto per i soggetti esercenti un’attività di prestazioni di servizi,
ovvero di € 516.456,90 per le altre attività.
Il reddito deve essere determinato forfettariamente, con l’aggiunta delle plusvalenze patrimoniali,
delle sopravvenienze attive, dei dividendi e degli interessi e dei proventi immobiliari (art. da 54 a 57
T.U.I.R.).


REGIME DI CONTABILITA’SEMPLIFICATA (art. 18 D.P.R. 600/73).
Possono fruire di questo regime contabile, previsto dall’art. 18 del D.P.R. n. 600/73, i soggetti che
nell’anno solare precedente hanno realizzato ricavi non superiori a:
€ 309.874,14 per le prestazioni di servizi;
€ 516.456,90 per le altre attività.
Le scritture contabili obbligatorie sono:
IL REGISTRO IVA DEGLI ACQUISTI,
IL REGISTRO IVA DELLE FATTURE EMESSE,
IL REGISTRO IVA DEI CORRISPETTIVI, REGISTRO BENI AMMORTIZZABILI .


REGIME DI CONTABILITA’ORDINARIA (art. da 14 a 20 D.P.R. 600/73).
La CONTABILITA’ORDINARIA rappresenta certamente il regime più complesso, quindi, con un
maggior numero di adempimenti rispetto a quelli già esaminati. Infatti, devono essere tenuti, oltre ai
registri già considerati (libri Iva e dei beni ammortizzabili) le seguenti scritture:
LIBRO GIORNALE,
LIBRO MASTRO, LIBRO INVENTARI,
LIBRI prescritti dalla LEGISLAZIONE SUL LAVORO, utilizzati dagli enti non commerciali che
assumono lavoratori dipendenti o collaboratori coordinati e continuativi.
Questi libri dovranno essere preventivamente vidimati da parte dell’Inail e sono:
IL LIBRO MATRICOLA
IL LIBRO PAGA


COMPENSI A SPORTIVI DILETTANTI
Per le associazioni sportive dilettantistiche è previsto uno speciale regime di tassazione dei
compensi corrisposti (art.67 co.1 lett. m) nuovo Tuir (ex 81). Ciascuna somma deve essere erogata
nell’esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche.
Anche le somme o le indennità in favore dei dirigenti che presenziano all’evento (elemento
indispensabile alla sua concreta realizzazione), trovano una legittimità di corresponsione quali
attività amministrativo-gestionale non professionali, purché si eviti il concretizzarsi di fattispecie di
distribuzione indiretta di utili.
I soggetti che debbono erogare le predette somme o compensi sono il Coni, le Federazioni sportive
nazionali, l’Unione Nazionale per l’incremento delle razze equine (Unire), gli enti di promozione
sportiva e qualunque altro organismo comunque denominato con finalità sportive dilettantistiche e
che da questi sia riconosciuto (cfr. requisiti co.18 art.90 L.289/2002).
In caso di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa di carattere amministrativogestionale
di natura non professionale, questi debbono essere resi, unicamente, in favore di società e
associazioni sportive dilettantistiche e non anche degli altri soggetti sopra riportati. Nel rispetto di
tali condizioni,
1. indennità di trasferta;
2. rimborsi forfetari di spesa;
3. premi e compensi;
4. compensi per i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa di carattere amministrativo
gestionale di natura non professionale. Sono considerati redditi diversi .
Sono esclusi i rimborsi di spese documentate (quindi in forma analitica, a pié di lista o i rimborsi
chilometrici) relative al vitto, all’alloggio, al viaggio, al trasporto sostenute in occasione di
prestazioni effettuate fuori dal territorio comunale (esclusi da reddito ai sensi dell’art.69 co.2 nuovo
Tuir ex 83).

 

Risultati immagini per foto ASPETTI PREVIDENZIALI


ASPETTI PREVIDENZIALI
Non è previsto nessun obbligo contributivo (gestione separata L. n. 335/1995) nei casi in cui gli
emolumenti e i compensi erogati siano fiscalmente inquadrabili tra i redditi diversi (nuovo art.67
comma 1 lett. m) nuovo Tuir, ex art.81).
(Circolari Inps n.32 del 7/2/2001, n.42 del 26/2/2003 e n.9 del 22/1/2004).


ASPETTI ASSICURATIVI
Non è previsto nessun obbligo assicurativo nei casi in cui gli emolumenti e i compensi erogati siano
fiscalmente inquadrabili tra i redditi diversi (nuovo art.67 comma 1 lett. m) nuovo Tuir, ex art.81).
Nota Inail del 2/5/2001
Ciò vale anche per i rapporti di collaborazione amministrativo gestionale ex art.67 Tuir (Nota Inail
AD/126/03 del 19/3/2003 e Circ.Inail n.22 del 18/3/2004).
L’art.4, co. 205 L. n. 350/2003 (Finanziaria 2004) ha previsto l’obbligo di assicurazione per morte o
inabilità permanente a seguito di infortunio in occasione e a causa dello svolgimento delle attività
sportive per i soggetti che svolgono attività sportiva dilettantistica (come introdotto dall’art.51 L.
289/2002 Finanziaria 2003), presso la Sportass.


COMPENSI AMMINISTRATIVO-GESTIONALI
Il comma 3 L. n. 289/2002 ha esteso anche ai redditi erogati per attività di collaborazione a carattere
amministrativo-gestionale nel settore di cui si tratta la già citata qualificazione fiscale, con il
relativo regime agevolativo tributario e contributivo.
SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE ED ORGANIZZAZIONE DI VIAGGI E
SOGGIORNI TURISTICI DA PARTE DI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE E
LORO AFFILIATI
(art.111,comma 4bis ), anche se effettuate verso pagamento di corrispettivi
specifici.
Tali attività devono soddisfare contemporaneamente le seguenti condizioni:
1. siano esercitate presso le sedi in cui viene svolta attività istituzionale;
2. siano strettamente complementari a quelle svolte in diretta attuazione degli scopi istituzionali;
Si precisa che l’attività di somministrazione riguarda esclusivamente la cessione ai soci di alimenti
e bevande,come ad esempio la preparazione di panini o il riscaldamento di cibi precotti, non si
riferisce all’attività di ristorazione (attività di trasformazione e manipolazione di prodotti alimentari
in pietanze), che rimane in ogni caso attività di tipo commerciale,soggetta ad autorizzazioni
specifiche.
In entrambe i casi l’attività deve essere svolta nei confronti degli scritti, associati o partecipanti
anche di altre associazioni che svolgono la medesima attività e che per legge, regolamento atto
costitutivo o statuto fanno parte di un'unica organizzazione locale o nazionale e dei tesserati dalle
rispettive organizzazioni nazionali.
Da ciò consegue che, con affiliazione all’MSP. quale ente di promozione sociale e riconosciuto dal
Ministero dell’Interno, la stessa potrà beneficiare della neutralità fiscale degli introiti derivanti dalla
gestione del bar ovvero dell’organizzazione dei soggiorni turistici.


DOCUMENTI DA CONSERVARE A DISPOSIZIONE PER EVENTUALI CONTROLLI
ATTO COSTITUTIVO; STATUTO;
CERTIFICATO DI ATTRIBUZIONE DI CODICE FISCALE E\O PARTITA IVA;
CERTIFICATO DI AFFILIAZIONE ALLA FEDERAZIONE \ ALL’ENTE DI PROMOZIONE;
LIBRO SOCI;
LIBRO VERBALI ASSEMBLEE;


INVIOLABILITÀ DI DOMICILIO
Le norme di legge garantiscono l’inviolabilità del domicilio, intendendo come domicilio qualsiasi
luogo di privata dimora, compresa la sede di un’associazione.
Il Codice Penale (art. 614, 615) stabilisce per gli agenti di P.G. la sola facoltà di visitare (e non
perquisire) quei locali del circolo dove è svolto un servizio regolato da una licenza di P.S., o da
un’autorizzazione amministrativa (es. sala del bar). La perquisizione dei locali può essere effettuata
solo se accompagnata da uno specifico mandato nel caso di “flagranza o presunzione di reato”, ai
sensi della legge speciale sul terrorismo correlata all’art. 41 TULPS. Gli agenti della
tributaria,durante il normale svolgimento delle funzioni, possono accedere nei locali del circolo ove
queste attività avvengano.

 

Risultati immagini per foto fisco

 


FISCO Le linee guida per i compensi anche alla luce del chiarimento dell’Agenzia delle Entrate
Rimborsi spese, l’imposta è sportiva
Diverse sono le indennità di trasferta, i rimborsi forfettari, i premi e i compensi erogati
nell’esercizio diretto di attività.
Siete sportivi? Per gli eventi sportivi dovete spostarvi fuori dal vostro comune? Attenzione allora al
diverso trattamento fiscale dei rimborsi. Di seguito si forniscono le linee guida anche alla luce del
recente chiarimento fornito dall’Agenzia delle Entrate in merito al trattamento tributario delle
indennità chilometriche corrisposte.
1 Rimborsi spesa, indennità e compensi.
Rimborsi spesa documentati. I rimborsi spesa documentati ai soggetti che svolgono attività sportiva
sono le spese sostenute per:
Vitto
Alloggio
Viaggio e trasporto

in occasione di prestazioni effettuate fuori dal comune in cui il soggetto risiede.
Il sistema del rimborso spese documentate prevede il rimborso allo sportivo di un importo pari alla
somma sostenuta e di cui deve fornire la documentazione attestante la spesa (di cui si dirà nel
seguito).
Indennità compensi e rimborsi forfettari. Diverse sono le indennità di trasferta, i rimborsi forfettari
di spesa, i premi e i compensi erogati nell’esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche. In
questo caso si tratta di somme definite forfettariamente.
Trattamento fiscale. L’articolo 69, comma 2, del TUIR (D.P.R. 917/1986) prevede un trattamento
fiscale diverso a seconda che il rimborso sia relativo a spese documentate o forfettarie.
Non concorrono a formare reddito:
Le indennità di trasferta, rimborsi forfettari di spesa, i premi e i compensi erogati nell’esercizio
diretto di attività sportive dilettantistiche per un importo non superiore complessivamente nel
periodo d’imposta a euro 7.500;
I rimborsi di spese documentate relative al vitto, alloggio, al viaggio e al trasporto sostenute in
occasione di prestazioni effettuate fuori dal territorio comunale.
L’11 aprile 2014 l’Agenzia delle Entrate è finalmente intervenuta con la circolare n. 38/E a
sciogliere un dubbio non ancora risolto in merito all’inquadramento delle indennità chilometriche.
Si tratta in particolare dei rimborsi delle spese di viaggio sostenute dai soggetti interessati, per
raggiungere il luogo di esercizio dell’attività mediante un proprio mezzo di trasporto.
E’ stato chiarito che tali indennità:
Non concorrono a formare il reddito se le spese documentate e sostenute in occasione di prestazioni
effettuate fuori dal territorio comunale di residenza (o dimora);
Diversamente, se le prestazioni sono effettuate all’interno del territorio comunale di residenza o,
comunque, se le spese non sono documentate, le indennità chilometriche non concorrono alla
formazione del reddito fino alla franchigia di euro 7.500,00 (da calcolare considerando anche le
altre indennità, rimborsi forfettari, i premi e i compensi percepiti nel periodo d’imposta).
Alla luce di questo chiarimento si sottolinea che se il viaggio prevede lo spostamento in Comune
diverso da quello di residenza, il rimborso della spesa documentata, non concorre mai alla
formazione del reddito de43l percipiente. Diversamente se si tratta di spostamenti che avvengono
all’interno del territorio comunale di residenza (o di dimora), e, comunque, in caso di mancata
documentazione di dette spese, le indennità corrisposte non concorreranno alla formazione del
reddito fino alla franchigia di euro 7.500,00 (ivi comprendendoci anche le indennità, i rimborsi
forfettari, i premi e i compensi percepiti).
Documentazione. Le spese di vitto, alloggio e viaggio sono documentate attraverso le fatture e le
ricevute fiscali dagli albergatori o ristoratori (da evitare gli scontrini fiscali se non sono parlanti) i
biglietti di viaggio, etc. Le indennità chilometriche, per rientrare tra le spese documentate, devono
essere necessariamente quantificate in base al tipo di veicolo e alla distanza percorsa, tenendo conto
degli importi contenuti nelle tabelle elaborate dall’ACI.
2. Ambito della norma agevolativa
Soggetti erogatori
I compensi e le indennità per rientrare nell’applicazione del trattamento fiscale agevolato indicato
nei paragrafi precedenti, devono essere erogati da:
• CONI
• Federazioni sportive nazionali
• Enti di promozione sportiva

Qualunque organismo, che persegua finalità sportive dilettantistiche e che sia riconosciuto dai
soggetti precedentemente individuati.
Soggetti percettori. La norma agevolativa si applica ai compensi erogati ai seguenti soggetti:
Atleti dilettanti,
Allenatori dilettanti,
Arbitri e giudici di gara dilettanti,
Commissari speciali,
Istruttori,
Massaggiatori,
Dirigenti che svolgono funzioni non retribuite in base a norme organizzative interne ma
indispensabili alla realizzazione della manifestazione sportiva dilettantistica nel senso che gli stessi
concorrono a garantire la concreta realizzazione degli eventi sportivi dilettantistici (Cfr. Ris.
26.32001, n.34/E
Soggetti che intrattengono in favore di società ed associazioni sportive dilettantistiche rapporti di
collaborazione coordinata e continuativa di carattere amministrativo-gestionale di natura non
professionale (personale di segreteria, istruttori sportivi, dirigenti sportivi che prestano la loro opera
in favore dell’associazione, addetti agli impianti).
Tipologia di attività. La norma agevolativa si applica nel caso di “esercizio diretto di attività
sportive dilettantistiche”. Si può ritenere dilettantistica un’attività sportiva che presuppone un
impegno che si articola in non più di cinque eventi settimanali, compreso quello agonistico. Si
considerano i compensi corrisposti ai soggetti che partecipano alla realizzazione della
manifestazione sportiva a carattere dilettantistico e che sono funzionali alla stessa.
Sono ricomprese le attività di formazione, l’attività didattica, di preparazione e di assistenza
all’attività sportiva dilettantistica.
3. Trattamento fiscale dei compensi
Regime IRPEF. Le società e associazioni sportive dilettantistiche:
Non operano alcuna ritenuta ai rimborsi spese documentati;
Non operano alcuna ritenuta fino a concorrenza dell’importo di euro 7.500,00 sui compensi
forfettari erogati (criterio di cassa) nel periodo di imposta (ovvero l’anno solare)
Operano una ritenuta a titolo d’imposta nella misura del 23%sull’importo superiore a euro 7.500,00
e fino a euro 28.158,28;
Operano una ritenuta a titolo d’acconto nella misura del 23% sull’importo eccedente euro
28.158,28.
Regime IRAP. Per le società e associazioni sportive dilettantistiche non rilevano ai fini Irap le
indennità, i rimborsi, i premi ed i compensi, sia relativi alla attività istituzionale che commerciale.
Tutte le predette somme corrisposte per l’esercizio diretto di attività sportive, ovvero a collaboratori
coordinati e continuativi amministrativo-gestionali, non rilevano ai fini IRAP. Pertanto la
società/associazione sportiva dilettantistica:
Non deve ricomprendere nella base imponibile tali somme, se ha optato per i sistemi forfettari,
quale il regime fiscale di cui alla legge 398/1991;
Può portare in deduzione dalla base imponibile tali somme se determina il reddito d’impresa
analiticamente.
Trattamento previdenziale e assicurativo
Inps. L’inquadramento dei compensi in esame tra i redditi diversi comporta che non sussiste
l’obbligo di iscrizione alla Gestione Separata Inps, ne di versamento della relativa contribuzione.
ENPALS. Al verificarsi di determinate condizioni i compensi erogati in favore degli sportivi
dilettanti possono ricadere nell’ambito applicativo dei contributi Enpals.
INAIL. I compensi in oggetto non sono soggetti all’obbligo di iscrizione all’Inail e al versamento
dei relativi premi.
Tutela assicurativa. Gli sportivi dilettanti tesserati in qualità di atleti, dirigenti e tecnici alle
Federazioni sportive nazionali, alle discipline sportive associate e agli enti di promozione sportiva,
sono obbligati ad avere una tutela assicurativa contro i casi di infortunio avvenuti in occasione e a
causa dello svolgimento delle attività sportive, dai quali ne possa derivare la morte o una inabilità
permanente.
5. Adempimenti dell’ente erogatore
Versamenti. La ritenuta di cui al paragrafo precedente deve essere versata entro il 16 del mese
successivo al pagamento della prestazione, a mezzo F24 con i seguenti codici tributo:
1040 per le ritenute sui redditi erogati nell’esercizio di attività sportive dilettantistiche,
3802 per l’addizionale regionale
3816 per l’addizionale comunale.
Certificazioni. Le società associazioni che erogano i compensi devono in ogni caso fornire entro il
28 febbraio dell’anno successivo apposita certificazione al percettore.
Nella certificazione devono essere esposte le somme assoggettate a ritenuta che le somme non
assoggettabili (perché rientranti nella franchigia di euro 7.500,00)
Dichiarazioni. Le società o associazioni che erogano i compensi de43vono presentare il Modello
770 per dichiarare tutte le somme erogate (anche quelle non assoggettabili a ritenuta come indicato
al punto precedente) e le relative ritenute operate e versate.
6. Adempimenti dei soggetti percettori
Certificazioni. Per consentire al soggetto erogatore la corretta applicazione della ritenuta sulle
somme che erogano, i percipienti devono autocertificare, eventuali compensi della stessa natura già
percepiti nell’anno solare da altri soggetti al fine di consentire la verifica del raggiungimento dei
limiti annuali.
Dichiarazioni. Ipotizzando (per semplicità espositiva) che il percettore abbia solo redditi da attività
sportiva dilettantistica se i compensi da lui percepiti nell’anno solare sono inferiori ad euro
28.158,28 non ha alcun obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi. Il percettore ricade
nell’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi se i compensi percepiti sono superiori ad euro
28.158,28.


Conclusioni
Per quanto riguarda tutti i rimborsi, è esplicito che è necessario una delibera del Consiglio Direttivo.
Per quanto riguarda i rimborsi agli istruttori, insegnanti ecc. è necessario oltre all'approvazione del
consiglio Direttivo, stipulare un contratto ai sensi della legge 133/99 e successive modificazioni e
dal percipiente farsi firmare una ricevuta ai sensi dell'art. 25 della legge 13 maggio 1999, n. 133 e
successive modificazioni quale ultima in base all'art. 90 della legge 27/12/2002 n. 289.

 

 

 

 

 

 

 

Sito web gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!